Descrizione immagine

   A Temporary Lapse of Heaven

TRACK LIST 

Just in town 5:12

 Everyday  5:06

 Sun (born and die) 4:11

 Look and fly  5:18

  Looking for some songs  2:43

Deep moon  4:06

 What you’re doing to me?  6:26

 Done 4:06

 Time to grow 5:48

 Good vibrations  3:26

  You can do it 4:51


Just In Town (Video version) 3:14

 



The compact disc is available on Amazon


On iTunes the songs can be downloaded

   ALBUM REVIEW  by Jen Rees on MUSIC INJECTION


Boskovic releases his debut album that you will love if you are a Beatles fan. You can hear the influence that Paul McCartney and  John Lennon has on Boskovic and you can see the similarities here!


Boskovic founded a Beatles tribute band back in 1995 but continued to write his own music heavily influenced by Lennon and McCartney. You can also hear the influences of The Who and Deep Purple. Take a listen to ‘A Temporary lapse of Heaven’ as you won’t be disappointed.  ‘Just in Town’ is one of those songs that gets stuck in your head but luckily in a good way!

The song that stands out the most for me is ‘Looking for some Songs’ the words connected to me, music is so important to me and I do believe we are all looking for some songs to enhance our life.


“A Temporary Lapse of Heaven” is Luca Bonini Boskovic’s debut album. He is a songwriter from Vicenza, AKA as Boskovic he is a British Pop/Rock influenced by Rhythm ‘n’ Blues.


The album will be soon presented to the public in the “Boskovic Heaven live tour 2016”, and the first show is scheduled on 18 March, at the theater Busnelli in Dueville (VI). On the stage with Boskovic (rhythm guitar and vocals) will play Nick Castegnaro (drums), Marco Pivato (bass) and Davide Menin (lead guitar).


The album will soon be released on 18th of March and will be called “Boskovic Heaven live tour 2016”,


The author has always been inspired by the great British Rock bands of the 60’s and 70’s: The Beatles, The Who, Deep Purple and Pink Floyd just to name a few. The album is composed by 11 unreleased tracks (of which the author has addressed the music, the lyrics and the arrangements) carefully chosen from the archives of 20 years of songwriting. Boskovic, who was always interested in photography and visual arts, has also produced the graphic of the album. The deluxe version contains a 14 pages booklet.


Music to me is the wish and the urge to process emotions and translate them into melody; music is free from univocal interpretations, each person can identify themselves with it and release their emotional side. I’m really happy with the final result, it’s an album that “sounds good”. About this I would like to mention and thank Andrea Rigoni, his excellent work on the mastering of the tracks has taken the overall quality of the sound to the next level.”


The lyrics of the songs are intentionally hermetic, to encourage a naturally subjective interpretation. It’s easy to notice some recurrent themes. “Sun (Born and Die)”, “Good Vibrations” and “Looking for Some Songs” take a closer look into the life of a band, with all the difficulties and it carries, but also addressing the success, the passion for music, the friendships that grow while sharing the same path in life, the relationship with the public and so on.


The lyrics of “Everyday”, “Look and Fly” and “Time to Grow” are especially significant because they convey the sense of the passage of time, the importance of living a conscious life, the reference to natural elements and to nature seen as “the Great Mother” who gives birth to everything. Another recurrent theme is that of the dualism of body and soul, two sides of the same coin which coexist in earthly life, and reincarnation as the answer which can make sense of the world as a whole. Love is certainly a big protagonist of the album, analysed in its typical phases and aspects: “Just in Town” expresses the magical feeling of falling in love, “You Can Do It” tells the story of a deep and sincere bound, “What Are You Doing to Me” explores the theme of the loss of the lover, and therefore the end of the dream.


The single “Just in Town” has a rock feeling, with melodic intervals “stolen” from the Pop genre in the refrain, backed by a nice organ sound and powerful guitars. The lyrics deal with the emotions that falling in love carries, and the consequential state of bliss that is experienced. The structure and the themes of this track are clearly drawn from the musical tradition of the 60’s and 70’s.


Shot on a very hot summer weekend in an abandoned factory at the bottom of the piccolo Dolomiti” – Boskovic said – “[“Just in Town”] is a video where we had to fight the stress of losing technical equipment and the air conditioners that had a day long work out. , due to the excessive load of the technical equipment and the conditioners, that worked all day long!! We shot several scenes in the darkness and had to adjust our make up.”


 ALBUM REVIEW  by GABRIELE URSINO

Il pop e il rock sono da sempre due generi combattuti, in perenne contrasto. Troviamo una melodia del tutto aperta e fruibile nel primo caso in contrapposizione all’aggressivita’ d’esecuzione e ai canoni ferrei del secondo. Ma quando si e’ in grado di miscelare sapientemente questi due elementi il risultato e’ simile a quello che si ottiene in cucina quando con ingredienti semplici si propongono pietanze genuine, che fanno della elementarità il loro punto di forza. Ed e’ proprio grazie alla mescolanza di questi due ingredienti, perfettamente dosati, che grandi band del passato si sono conquistate un posto nelle nostre vite, nelle vite di chiunque abbia avuto l’occasione di ascoltarle. 

Mi riferisco ai grandi nomi della musica popolare che hanno saputo dilatare l’energia del rock per farla confluire in territori meno canonizzati e aperti anche a chi, ignoranza permettendo, non ha idea di cosa sia. Queen, John Lennon, Bruce Springsteen sono solo alcuni grandi nomi di una lista infinita di artisti in grado di combinare queste due componenti. 


E “A Temporary Lapse of Heaven” di Boskovic e’ un album che puo’ essere sicuramente inserito in tale lista. Al suo interno si riproduce fedelmente quanto detto sopra, con l’aggiunta di peculiari personalizzazioni nella strutturazione del sound di alcune tracce. Il motivetto di Sun(born and die) ne e’ l’esempio piu’ lampante: una traccia semplice e molto orecchiabile, dove le lyrics accompagnano saggiamente la melodia incanalandone il ritmo scorrevole in pure stile rock and roll. 


Sprazzi pop li ritroviamo in “Done” e “Time to grow”, episodi che pur fondamentalmente delle ballad articolate, toccano argomenti ampi, universali come la crescita, il passaggio di transizione da una situazione onirica (come l’infanzia) ad un presente multiforme, travolgente. Un presente di lotte, accompagnato dalla musica, forma d’arte a tutto tondo ma che, come il presente, influisce sulla vita di chi la crea e la vive; ed ecco spiegate canzoni come Good Vibrations e Looking for Some Songs, nelle quali viene mostrato il lato piu’ realistico di questa ars infondo così effimera. L’esperienza all’interno di una band, le difficoltà, i successi, la condivisione di un percorso esistenziale e il rapporto con il pubblico sono tutti temi trattati, vista l’influenza inevitabile che hanno sulla vita di tutti i giorni di qualsiasi musicista. 


E vista la sincerita’ e l’universitalita’ di tali argomenti, Boskovic non ha potuto fare a meno di inserirli, facendo di “A Temporary Lapse of Heaven” un buon album rock, sincero, dalle tematiche pop, abbellendo il sound dell’intero lavoro con influenze rhythm and blues e melodie accattivanti e coinvolgenti emotivamente. Come anche i testi, che seguendo la tradizione musicale popolare, trattano tematiche comuni ai piu’, rendendo il disco un’opera accessibile a praticamente chiunque. La formula vincente di ogni produzione rock’n’roll. 


See more at: http://www.mondospettacolo.com/a-temporary-lapse-of-heaven-il-nuovo-album-di-luca-boskovic/#sthash.wF2Gyprw.dpuf

   ALBUM REVIEW  by LA VOCE DI TRIESTE


Chi ha detto che non si può suonare dell’ottimo pop di chiaro stampo britannico anche da noi in Italia? A Temporary Lapse of Heaven di Boskovic è la dimostrazione di come la musica inglese abbia segnato indelebilmente in maniera positiva il cantautore vicentino che si presenta con dodici brani di puro pop inglese che non hanno nulla da invidiare alle migliori produzioni made in England, degli ultimi anni. Inevitabile, quando si parla di english music, il riferimento ai Beatles, il cui stile Boskovic ha assimilato decisamente bene: nella sua biografia spicca inoltre la creazione, nel 1995, dei Fourback, tribute band ispirata a John Lennon e Paul McCartney.



Non solo Beatles


Boskovic però non si limita a riproporre una musica celebrativa delle sonorità beatlesiane, ma aggiunge alcuni tocchi personali che rendono A Temporary Lapse of Heaven un album estremamente gradevole, ricco di intriganti melodie con richiami anche al moderno brit pop. Ascoltando il singolo “Just in Town”, ad esempio, emergono con forza i richiami alla produzione pop anni ’60 inglese, ma riletti in chiave assolutamente moderna, tanto da poter ricordare uno stile vicino ai Supergrass più tranquilli o agli Oasis migliori.



Melodia allo stato puro


Colpisce per la bellezza del ritornello “Sun (Born and Die)”, un brano che forse sarebbe stato un singolo perfetto per rappresentare le grandi potenzialità di Boskovic, così come “Deep Moon”, canzone particolare e affascinante che si apre in un ritornello arioso e coinvolgente. Discorso analogo per “You Can Do It”: questo è un brano che bisognerebbe prendere da esempio per quando si intende scrivere musica pop. La sua apparente semplicità è in realtà la sua forza: una voce, pochi strumenti e una melodia che non può non restare impressa a lungo nell’ascoltatore. Più ritmata e dal vago sapore anni ’50 è “Looking for some songs”, mentre “Good Vibrations” sembra strizzare l’occhio a produzioni più recenti, con un sound leggermente più rock anni ’80. Unico neo forse “What You’re Doing To Me”, rock stile anni ’70 dal finale ipnotico e un po’ troppo lungo.



Ottimo compositore


Con A Temporary Lapse of Heaven Boskovic dimostra di essere un ottimo compositore in grado di scrivere brani coinvolgenti, con testi a volte ermetici, ma che si sposano alla perfezione sulle melodie intrecciate dagli strumenti. Un album che si spera possa avere un seguito e che sicuramente verrà apprezzato nella sua dimensione live.



MORE PRESS


http://www.audiofollia.it/boskovic-a-temporary-lapse-of-heaven.html

http://www.musicclub.eu/giornale/musicclub-numero-265/luca-boskovic-a-temporary-lapse-of-heaven
http://indiepercui.altervista.org/boskovic-a-temporary-lapse-of-heaven-autoproduzione/
http://www.indiependentreviews.com/#!Boskovic-in-10-artisti-ti-racconto-chi-sono/c112t/5649c2320cf2f51f323d1923
http://www.extratimeblog.it/temporary-lapse-heaven/
http://www.sherwood.it/articolo/5096/la-forma-e-sostanza-pop-secondo-boskovic-allesordio-discografico
http://www.musicmap.it/recdischi/ordinaperr.asp?id=4512
http://www.twentyzradio.com/blog/2015/11/musica-britrock-e-rythms-blues-per-il-grande-debutto-di-boskovic-del-18-marzo-2016-con-a-temporary-lapse-of-heaven/
http://www.music-news.com/news/UK/93431/Read


TEMPORARY WORDS...